Stadio Ceravolo (foto da uscatanzaro1929.com)
Stadio Ceravolo (foto da uscatanzaro1929.com)

Lo stadio “Ceravolo” è pronto a rifarsi il look. In vista della sempre più probabile promozione in Serie B di un lanciatissimo Catanzaro, si guarda già in questa ottica. È notizia di oggi che l’impianto che ospita le gare interne delle aquile, in testa alla classifica con ben 11 punti di vantaggio sul Crotone, verrà presto interessato da un’opera di ammodernamento.

Questo intervento consentirà alla squadra giallorossa, che manca dalla serie cadetta dal lontano 2006, di avere lo stadio perfettamente a norma per ospitare le gare interne. Ad annunciarlo è stato proprio il Governatore della Regione Calabria, Roberto Occhiuto: “Ho incontrato stamane, presso i miei uffici alla Cittadella, il presidente del Consiglio regionale, Filippo Mancuso, con il quale ho avuto un confronto proficuo su diverse importanti tematiche. Tra gli argomenti dei quali ci siano occupati – si legge nella nota – abbiamo trattato anche la questione relativa all’ammodernamento e alla messa a norma dello stadio comunale di Catanzaro. La squadra di calcio del capoluogo calabrese sta disputando una stagione davvero positiva in Lega Pro, ed è seguita da diverse migliaia di tifosi durante le partite in casa. La città merita, dunque, un’attenzione particolare anche in considerazione delle imminenti sfide che attendono il Catanzaro Calcio nei prossimi anni”.

I giocatori del Catanzaro festanti in un Ceravolo gremito (foto Rosito)
I giocatori del Catanzaro festanti in un Ceravolo gremito (foto Rosito)

Soddisfazione è stata espressa subito dopo da Floriano Noto, Presidente dell’Us Catanzaro: “La notizia che abbiamo letto sugli organi di stampa – dice il patron giallorosso – relativa al finanziamento che la Regione Calabria ha reperito per la ristrutturazione dello stadio “Ceravolo”, ci soddisfa. Ringraziamo, per questo, il presidente Roberto Occhiuto e il presidente del Consiglio regionale, Filippo Mancuso, che si è prodigato per raggiungere questo importante risultato. La cifra di cui si parla, circa 9 milioni di euro, consente di realizzare una serie di interventi strutturali che, in caso di salto di categoria, permetteranno alla nostra squadra giocare, senza alcun problema, le partite casalinghe nello storico impianto.

Ciò che chiediamo ora all’Amministrazione Comunale di Catanzaro è di essere coinvolti nel programma di riqualificazione che sarà messo in atto. Questo perché vorremmo evitare ciò che è successo nel recente passato quando, nonostante l’impiego di notevoli risorse economiche, non sono stati realizzati quegli interventi utili a rendere la struttura moderna e funzionale. Conoscendo la sensibilità del sindaco Nicola Fiorita – conclude la nota – sono certo intanto che non perderà tempo nell’espletare l’iter burocratico con la Regione Calabria e, una volta definito il tutto, ci convocherà per lavorare insieme a un progetto che regali finalmente uno stadio degno di un capoluogo di regione”.

Fanno da contraltare le vicende di un altro stadio, distante pochi chilometri. Il “San Vito – Gigi Marulla“, infatti, non gode di ottima salute, se così si può dire per usare un eufemismo. Il progetto di ristrutturazione totale, più volte sbandierato, è rimasto tale solo nelle intenzioni. A questo si aggiunga la chiusura permanente della tribuna “Rao“, interessata da lavori di messa in sicurezza in standby da tanti mesi ormai.