Linea Verde alla scoperta dei tesori della Calabria tra profumi e tradizione
Linea Verde alla scoperta dei tesori della Calabria tra profumi e tradizione

Il consueto appuntamento domenicale di Rai 1 con Linea Verde ha toccato anche la Calabria.

“Siamo in Calabria, una terra aspra ma generosa, capace di annoverare una lunga serie di valori sia dell’uomo che della terra. Ed è proprio alla ricerca di questi valori, della tradizione, dell’ingegno, della creatività, della generosità di Madre Terra che Peppone Calabrese e Beppe Convertini muovono i loro passi nella puntata del 15 gennaio di Linea Verde”.

Questa la presentazione di quello che è stato un vero e proprio viaggio tra i profumi e le tradizioni per lo più cosentine. La scoperta ha inizio dalla Piana di Sibari, ai piedi del territorio di Corigliano-Rossano, per scoprire l’immenso giardino che vanta moltissime varietà di agrumi, in primis la clementina Igp che ricopre il 70% della produzione. Ci si sposta poi sulle colline di San Demetrio Corone, località cara alla comunità Arbereshe di Calabria, dove Beppe Convertini ha raccontato i segreti dell’olio di oliva di Calabria e la produzione di pecorini.

IL FICO BIANCO DI COSENZA

Il fico di Cosenza su Linea Verde Rai 1
Il fico di Cosenza su Linea Verde Rai 1

Con la storia del fico di Cosenza, delizia dell’agroalimentare calabrese con alle spalle un’incredibile storia di selezione e cura contadina, le cui ricette vedono anche l’uso del cioccolato insieme alle classiche varietà quali le crucette o le trecce, si è passati a Bisignano dove an­co­ra oggi so­prav­vi­ve l’an­ti­ca arte del­la ce­ra­mi­ca.

Al magnifico panorama del­l’Al­ti­pia­no del­la Sila, con i suoi sen­tie­ri mon­ta­ni ric­chi di sto­ria e na­tu­ra, si è aggiunto il rac­con­to di una fat­to­ria bio­lo­gi­ca ad ol­tre mil­le me­tri di quo­ta. Protagonista anche il Con­ven­to di San Fran­ce­sco da Pao­la a Pe­da­ce, dove vi è l’an­ti­ca tra­di­zio­ne del­la Cuc­cìa, piat­to sto­ri­co lo­ca­le. Nel cen­tro sto­ri­co di Ce­ri­sa­no la storia di Andrea, un gio­va­ne stu­dio­so ha fat­to ri­vi­ve­re l’ar­te dei suoi avi, ov­ve­ro la ce­ste­ria e la col­tel­le­ria ar­ti­gia­na­li.

Infine, le partecipazioni di due personaggi calati nella realtà cosentina: Sara Brancaccio, per un delizioso plumcake ai fichi di Cosenza e Ciro Vestita, per un elenco delle virtù medicali contenute nelle bucce degli agrumi.