Mese della Memoria - una foto della mostra su Auschwitz
Mese della Memoria - una foto della mostra su Auschwitz

Proseguono le iniziative della seconda edizione del “Mese della memoria”, il programma di attività promosso dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Franz Caruso e frutto del coordinamento e della sinergia tra l’Assessore alla cultura della memoria democratica e della Legalità, Veronica Buffone, la consigliera delegata del Sindaco alla Cultura, Antonietta Cozza, e la Direttrice del Museo dei Brettii e degli Enotri, Marilena Cerzoso. Un programma che nei giorni scorsi è stato attenzionato anche dal Ministero della Cultura che ha pubblicato sul proprio sito il calendario con gli appuntamenti di Cosenza.

Tra gli appuntamenti più significativi del mese di febbraio, la mostra fotografica “Auschwitz, la memoria rende liberi” della fotografa Deborah Cartisano, figlia di Lollò Cartisano, il fotografo sequestrato e ucciso dalla ‘ndrangheta agli inizi degli anni novanta. La mostra sarà inaugurata martedì 7 febbraio, alle ore 17,00, al Museo dei Brettii e degli Enotri, alla presenza della stessa curatrice, coordinatrice di “Libera” per la Locride.

Una delle foto della mostra su Auschwitz
Una delle foto della mostra su Auschwitz

Il reportage “Auschwitz, la memoria rende liberi” è stato realizzato da Deborah Cartisano durante un viaggio in Polonia. Le foto raccontano le intense emozioni provate durante la visita al Campo di sterminio di Auschwitz, dalle quali scaturisce il forte desiderio di contribuire alla memoria di quei tragici eventi, affinché non si ripetano più. Partendo dall’autoritratto di una giovane donna esposto nel Museo del Campo, ritrovato tra gli effetti personali degli internati, Deborah Cartisano ha pensato al racconto visivo di Auschwitz attraverso gli occhi di una prigioniera, vivendo la drammatica quotidianità di chi ha patito quella reclusione.

Questo per me – spiega la fotografa nelle note che illustrano la mostra – è stato a volte insopportabile, ma la fotografia è stata come un filtro che mi ha protetto da queste emozioni, permettendomi di elaborarle in un secondo momento”. Deborah Cartisano fotografa il silenzio di Auschwitz, un silenzio puro, reso visivamente dalla coltre di neve che ricopre tutto, ovatta il dolore, rappresentando una pausa da tutta la sofferenza provata. Ma la neve-silenzio chiede anche rispetto per questo dolore: di fronte ad esso bisogna saper dosare le parole. O semplicemente sapersi inchinare.

Anche l’appuntamento di mercoledì 8 febbraio al Museo dei Brettii e degli Enotri (ore 17,00) e cioè la presentazione del romanzo di Antonio Salvati, “Pentcho”, è particolarmente degno di nota. Ispirato da una storia vera, il libro di cui è autore Salvati, magistrato e ideatore del Festival Nazionale di Diritto e Letteratura “Città di Palmi”, racconta, attraverso la voce dei protagonisti, la fuga, lungo il Danubio, di 400 ebrei di diverse nazionalità da una Bratislava ormai rassegnata all’invasione nazista. Con uno scalcagnato battello dal nome improbabile, Pentcho, puntano a raggiungere addirittura la Palestina. Infinite peripezie li condurranno invece in Calabria, a Ferramonti, il principale campo di concentramento per ebrei stranieri d’Italia. A dialogare con l’autore sarà, l’8 febbraio, Marta Petrusewicz. L’introduzione e le letture sono di Michele Andronico. I contributi musicali di Delilah Gutman.

Locandina febbraio mese della memoria
Locandina febbraio mese della memoria