Pagelle Cosenza-Brescia

MICAI 6 Il portiere del Cosenza non ha colpe sui gol subiti. Compie diversi interventi che tengono in vita i rossoblù. Resta una certezza

GYAMFI 6 Solita partita positiva e bene interpretata. Cala nel secondo tempo ma è come sempre lucido

CAMPORESE 5,5 In occasione del gol del 2 a 1 del Brescia cade giù probabilmente per un fallo non rilevato dall’arbitro. In quell’occasione è apparso un po’ molle. Appannato

MERONI 6,5 Ritorna titolare dopo tre mesi e non sbaglia quasi nulla. Bisoli sulla linea gli nega la gioia del gol che avrebbe avuto il sapore del ritorno trionfale. Nell’occasione successiva il Brescia segna il gol vittoria. Sulla sua testa passa la più importante sliding door della partita. Bentornato 

FRABOTTA 5,5 Molto male nel primo tempo dove soffre sulle coperture arrivando spesso in ritardo negli interventi. Recupera nel secondo tempo ma il suo contributo è quantomeno altalenante

ZUCCON 5 Poco attivo in fase di interdizione. Tanti errori in appoggio. Imballato

CALO’ 5 Detta poco e male i tempi del gioco del Cosenza. Meglio in interdizione ma il suo apporto è incostante

FLORENZI 5,5 Come a Terni, primo tempo sette-polmoni con tanta smania e qualche errore. Da uno di questi errori scaturisce il fallo su Galazzi, decisivo per la punizione vincente del giocatore bresciano. Sprazzi del miglior Florenzi

Il gol siglato da Crespi (foto Francesco Farina)
Il gol siglato da Crespi (foto Francesco Farina)

MARRAS 6 Nei primi trenta minuti è ovunque a fare le due fasi e a tentare di spaccare il match con i suoi guizzi. Man mano, con il passare dei minuti, si spegne. Evanescente

CRESPI 7 Un po’ acerbo nella difesa della palla, si fa trovare pronto in area di rigore dove si fa sentire. Realizza il suo primo gol da professionista. Grande azione, giocata di personalità di un ragazzo che ha fame e che avrebbe meritato più spazio nell’arco della stagione. Il suo cambio forse un po’ affrettato. Gol di personalità

ANTONUCCI 5 Poco presente nella manovra offensiva. Troppo poco intraprendente. La sua prova è abulica

DALLA PANCHINA DEL COSENZA

FORTE 4,5 Non la vede mai e gioca solo spalle alla porta. Il suo apporto alla manovra offensiva anche oggi è nullo.  

TUTINO 5,5 Non ancora al meglio dopo l’infortunio e si vede. Nel rush finale c’è bisogno del miglior Tutino. Non al meglio

CANOTTO 5 Un altro brutto approccio alla gara da subentrato. Delusione 

VOCA 6 Il suo lavoro, pulito o sporco che sia, lo fa sempre con diligenza e ordine. Equilibratore

PRASZELIK s.v. 

All. VIALI 5 Due partite intramezzate dalla sosta e due settimane di allenamenti. Per ora non è riuscito ad incidere mentalmente su una squadra che, ancora una volta, alla prima difficoltà si scioglie come neve al sole. Ora la classifica si fa davvero preoccupante. Da domani allenamenti in doppia seduta tutti i giorni fino alla delicatissima trasferta di Piacenza con la Feralpisalò. I cambi non sono stati migliorativi. Forse Crespi avrebbe meritato un maggiore minutaggio. Serve fare quadrato per non compromettere una stagione. Per ora non ha inciso, c’è da lavorare e tanto

Entra nel nuovo canale Whatsapp de Il Dot