Pagelle Cosenza-Sampdoria

MICAI 6 Due gol presi dal Cosenza senza colpe. Poi spettatore aggiunto. Incolpevole

GYAMFI 6 Comunque uno dei migliori. Soffre un po’ nel primo tempo perché non supportato da uno spento Canotto. Ci mette corsa e grinta. Sagace

CAMPORESE 5,5 Il gol della Samp nasce anche da un suo errore. Non accorcia per tempo su Darboe che arriva indisturbato al limite dell’area. Per il resto si disimpegna bene ma l’errore risulterà decisivo. Passaggio a vuoto

FONTANAROSA 5 Il ragazzo si farà, così si suol dire. Per ora però dimostra limiti di concentrazione come in occasione del gol di De Luca dove sbanda vertiginosamente. Ancora acerbo

FRABOTTA 6+ Terzo gol stagionale, secondo di fila. Piacevole abitudine. Anche tanti errori nel primo tempo ma è uno degli ultimi ad arrendersi. Goleador

PRAZSELIK 5,5 L’inerzia della partita con il doppio vantaggio doriano complica la vita ad un centrocampo in inferiorità numerica rispetto al modulo scelto da Pirlo. Cerca di far girare palla ma spesso è lento nelle scelte. Serata difficile

Camporese svetta in area avversaria (foto Francesco Farina)
Camporese svetta in area avversaria (foto Francesco Farina)

ZUCCON 6 Mezzo voto in meno per l’errore da cui scaturisce il gol di Darboe. Al di là dell’episodio negativo mette tutto per cercare di dare dinamicità ad un centrocampo che resta troppo imbrigliato nelle maglie blucerchiate. Sfiora anche il gol del pari con un bel tiro da fuori. Generoso

CANOTTO 5 Schierato da titolare per il problema fisico di Marras in rifinitura. Stecca clamorosamente la partita. Non salta mai l’uomo e fa fatica nei ripiegamenti difensivi. Bocciato

TUTINO 6,5 E’ l’unico, specie nel primo tempo, ad interpretare nel modo giusto una partita storica. Sfiora anche il gol sullo zero a zero. Sarebbe potuta essere un’altra partita. Cala nel secondo tempo. E’ comunque il leader nel bene e nel male. Serata amara

MAZZOCCHI 6 Tanto sacrificio come sempre. Ben neutralizzato dal centrocampo avversario. L’impegno non manca mai. Legnoso

FORTE 4,5 Nonostante la fiducia continua risposta dal mister, non riesce mai a rendersi pericoloso. A volte in area ruba il tempo anche a Tutino. La generosità non è messa in discussione. La forza nei duelli e la pericolosità sono però due perfette sconosciute. Sta diventando un caso?

DALLA PANCHINA DEL COSENZA

ANTONUCCI 5,5 Ancora un pesce fuor d’acqua. Deve trovare la giusta collocazione. Poco incisivo

CALO’ 6+ Vista l’inerzia della partita sarebbe dovuto entrare prima. Mette tanti palloni anche da calcio piazzato e regala su corner l’assist per il gol di Frabotta. Piede caldo

CRESPI s.v. Vista la sterilità di Forte, meriterebbe maggior minutaggio.

FLORENZI 6 Tenta con coraggio qualche uno contro uno. Fa sicuramente meglio di Canotto. Intraprendente

All. CASERTA 5,5 Di fronte a 15 mila spettatori sarebbe stato meglio non perdere. La scelta iniziale di Canotto si dimostra sbagliata, con il centrocampo rossoblù in evidente difficoltà. Preoccupa, come confermato dalle parole del mister in conferenza stampa, che questa squadra abbia dei limiti di personalità e sbagli la prestazione ogni qualvolta ci sia da tentare il salto di qualità. Errori individuali, squadra che non reagisce se non nei venti minuti finali grazie ai cambi ancora una volta tardivi, sono gli ingredienti di una brutta sconfitta che tarpa le ali a tutto l’ambiente. La sconfitta riporta il Cosenza nella sua dimensione di squadra che deve lottare su ogni palla per raggiungere la salvezza. Nulla di più? La storia del campionato sembra dire ciò. Il futuro prossimo potrebbe dare altre risposte. Occasione sprecata

Entra nel nuovo canale Whatsapp de Il Dot