Il ds del Cosenza, Roberto Gemmi (foto Farina)
Il ds del Cosenza, Roberto Gemmi (foto Farina)

Il diesse del Cosenza Roberto Gemmi ha rilasciato alcune dichiarazioni tramite le colonne de La Gazzetta dello Sport. Un focus sulla sua esperienza nella città dei bruzi, sul campionato di serie B, sulla squadra costruita e sul prossimo derby di Calabria.

LE PAROLE DEL DS DEL COSENZA

«Sono arrivato a Cosenza e tutto veniva descritto in maniera negativa. Qui invece si può fare calcio, c’è una grande passione da parte di tutti. Sono rimasto con convinzione nonostante la passata stagione non sia stata all’altezza delle aspettative. Quest’anno c’è la percezione che il Cosenza possa fare un campionato decisamente diverso. Non c’è un obiettivo prestabilito se non quello di fare bene contro ogni squadra.

Ad oggi devo dire che ci stiamo riuscendo. La serie B di quest’anno è difficilissima, basti guardare cosa è successo nell’ultima giornata di campionato dove il Lecco è andato a vincere a Palermo. Nulla è scontato. Lo scorso anno c’erano squadre allestite per stravincere il campionato ed invece sono retrocesse in serie C. Serve umiltà: solo il tempo dirà di che pasta siamo fatti».

GEMMI SUL PROSSIMO DERBY TRA CATANZARO E COSENZA

«Vedo due aspetti importanti, oltre a quello sportivo. Finalmente c’è una partita che tutti i tifosi aspettano e che meritano di vedere. La seconda è un’occasione che non ci dobbiamo assolutamente fare sfuggire. Non è un’occasione né per il Cosenza, né per il Catanzaro ma per la Calabria. Tutte le componenti devono capire e assieme dobbiamo lavorare affinché non ci siano limitazioni, che sia aperta a tutti. Questa partita può diventare lo spot migliore per quella Calabria che ama lo spettacolo e lo sport».