Gianluca Vialli il cordoglio di Cremonese, Sampdoria e Juventus
Gianluca Vialli il cordoglio di Cremonese, Sampdoria e Juventus

Gianluca Vialli si è spento all’età di 58 anni, e il calcio non era certo pronto a questa notizia dopo la dipartita di Siniša Mihajlović nel mese di dicembre 2022.

Il mondo dello sport è nuovamente caduto in un’ombra di tristezza e cordoglio. Il ricordo di ciò che Gianluca Vialli è riuscito a dare al gioco del calcio dentro ma soprattutto fuori il rettangolo verde rimarrà ad imperitura memoria. Ex calciatori, società e politica hanno voluto dare il proprio cordoglio per la scomparsa di Vialli, il cui ultimo ricordo non può non risalire all’estate idel 2021 in cui l’Italia vince l’Europeo anche grazie a lui che ha saputo dare un’impronta tecnica e umana d’altri tempi.

Gianluca Vialli il cordoglio di Cremonese, Sampdoria e Juventus
Gianluca Vialli il cordoglio di Cremonese, Sampdoria e Juventus

Tra i numerosissimi messaggi arrivati, destinati ad aumentare, non si possono non sottolineare quelli di tre importanti club con cui Vialli ha militato nella sua carriera.

Iniziata giovanissimo nelle fila della Cremonese con cui colleziona 113 presenze realizzando 25 reti in 4 anni. Ecco il messaggio del club:” Resterai un esempio indelebile della nostra essenza, Luca Vialli(LINK AL CORDOGLIO COMPLETO CON LA SUA STORIA) 

LE PAROLE DI PAOLO ARMENIA (DG CREMONESE): “Ho avuto la fortuna di conoscere Gianluca. Al giorno d’oggi si abusa dell’utilizzo della parola “esempio”, ma tutto quello che ha fatto nella sua vita ne incarna la definizione. Un signore d’altri tempi, capace di affrontare le difficoltà che ha incontrato con una sensibilità che rende ancora più amare e sentite le lacrime che stiamo versando, perchè oggi ci lascia una persona fantastica e unica. Il suo ricordo indelebile dev’essere un grande insegnamento per tutti noi, è il modo migliore per onorare la sua memoria”.

IL PASSAGGIO ALLA SAMP

Nell’estate dell’84 passa alla Sampdoria. Una storia incredibile quella, dove insieme all’amico fraterno Roberto Mancini vengono rinominati “gemelli del gol”. Con i blucerchiati Vialli rimane 8 anni, collezionando 141 gol in 328 gare, vincendo tre Coppe Italia, un campionato, una Supercoppa Italiana e una Coppa delle Coppe.

“Non dimenticheremo i tuoi 141 goals, le tue rovesciate, le tue maglie in cashmire, il tuo orecchino, i tuoi capelli biondo platino, il tuo bomber degli Ultras. Ci hai dato tanto, ti abbiamo dato tanto: sì, è stato amore, reciproco, infinito. Un amore che non morirà, oggi, con te. Continueremo ad amarti e adorarti perché – lo sai bene del resto – tu sei meglio di Pelé. E perché, nonostante tutto, la nostra bella stagione è destinata a non finire mai. Continuerà a brillare in quel cielo cerchiato di blu su cui tu, Luca, hai firmato per sempre. «Per chi?». «Per noi!».

IL SUCCESSO CHAMPIONS ALLA JUVENTUS

Al termine della stagione 1991-1992, Vialli si trasferisce alla Juventus. Nel primo biennio presenta qualche difficoltà di ambientamento, ma sono i successivi due anni ad essere decisivi sotto la guida di Marcello Lippi il quale ne fa il fulcro dell’attacco bianconero. Con i torinesi Vialli colleziona 53 reti in 145 presenze, vincendo una Coppa Italia, un campionato, una Supercoppa Italiana, una Coppa Uefa e una Champions League.

La società ha condiviso numerosi video e foto in suo ricordo con la casacca bianconera con su scritto: “Rimarrai sempre nel nostro cuore”.