Guerra in Ucraina, Usa La Cina è pronta a fornire armi alla Russia
Guerra in Ucraina, Usa La Cina è pronta a fornire armi alla Russia

Guerra in Ucraina, un anno esatto dall’invasione russa capitanata da Vladimir Putin. 

“Il 24 febbraio 2022 è stato il giorno più lungo della nostra vita. Il giorno più difficile della nostra storia recente. Ci siamo svegliati presto e da allora non abbiamo più dormito”.

Sono le parole d’apertura del discorso alla nazione del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ad un anno dall’inizio della guerra che prosegue ancora oggi con morti e distruzioni in tutto il Paese: “Hanno minacciato che avremmo cessato di esistere entro 72 ore. Ma siamo sopravvissuti a quei giorni e anche dopo. E oggi siamo ancora in piedi e lo saremo ancora perché dobbiamo lottare per ogni domani”.

Il discorso completo del Presidente Zelensky

“Il giorno dell’invasione russa alcuni avevano paura, altri erano scioccati, alcuni non sapevano cosa dire, ma tutti sentivano cosa fare. C’erano ingorghi sulle strade, ma molte persone sono andate a prendere le armi.  Alcuni stavano ai confini, ma molti ai commissariati militari per arruolarsi. Non abbiamo alzato bandiera bianca, ma abbiamo iniziato a sventolare quella giallo-blu. Non sapevamo cosa avrebbe portato il domani, ma abbiamo sicuramente capito che dovevamo lottare per ogni domani. In questo anno tutti hanno visto il vero volto del nostro nemico.

Guerra in Ucraina, Usa La Cina è pronta a fornire armi alla Russia
Guerra in Ucraina

Il Bombardamento dell’ospedale della maternità e del teatro di Mariupol, del palazzo regionale di Mykolaiv, di Freedom Square a Kharkiv e della stazione di Kramatorsk. Hanno visto Bucha, Irpin, Borodyanka. Il mondo intero ha capito chiaramente cosa significa effettivamente ‘misura russa’. Di cosa è capace la Russia. Allo stesso tempo, però il mondo ha visto di cosa è capace l’Ucraina.

L’Ucraina ha sorpreso il mondo. L’Ucraina ha ispirato il mondo. L’Ucraina ha unito il mondo. Si possono dire mille parole come prova di eusto, ma poche sono sufficienti. HIMARS, Patriot, Abrams, IRIS-T, Challenger, NASAMS, Leopard”.

Il ricordo dei caduti

“La guerra ha cambiato il destino di molte famiglie. Ha riscritto le storie delle nostre famiglie. Cambiato i nostri usi e costumi. In precedenza, i nonni raccontavano ai nipoti come avevano scacciato i nazisti. Ora i nipoti raccontano ai nonni come colpiscono i malvagi. Prima le madri e le nonne tessevano sciarpe, ora tessono reti mimetiche. Prima i bambini chiedevano a Babbo Natale smartphone e gadget, ma ora danno le paghette e raccolgono fondi per i nostri soldati. Durante l’anno, praticamente ogni ucraino ha perso qualcuno. Padre, figli, fratelli, madri. Persone amate. Un caro amico, collega, vicino di casa, conoscente.

Quasi tutti hanno almeno un contatto nel proprio telefono che non risponderà mai più. Ogni giorno qualcuno non riceverà risposta. Non cancelleremo i loro nomi né dal telefono né dalla nostra memoria. Non li dimenticheremo mai. Non lo perdoneremo mai. Non ci fermeremo mai finché gli assassini russi non saranno puniti. Punizioni del tribunale internazionale. Del giudizio di Dio. Dei nostri soldati. O tutte insieme.

Nove anni fa, il vicino è diventato un aggressore. Un anno fa, l’aggressore è diventato carnefice, saccheggiatore e terrorista. Non abbiamo dubbi che saranno ritenuti responsabili”.

Un anno di resilienza

“In questo anno siamo diventati una unica famiglia. Non ci sono più estranei tra noi. Gli ucraini hanno dato rifugio agli ucraini, hanno aperto le loro case e i loro cuori a coloro che sono stati costretti a fuggire dalla guerra. Resistiamo a tutte le minacce, bombardamenti, bombe a grappolo, missili da crociera, droni kamikaze, blackout, freddo. Siamo più forti. È stato un anno di resilienza. Un anno di coraggio. Un anno di dolore. Un anno di speranza. Un anno di invecchiamento. L’anno dell’unità. L’anno dell’indomabilità. Il risultato principale è che siamo sopravvissuti. Non siamo stati sconfitti. E faremo di tutto per vincere quest’anno!” ha concluso Zelensky.