I giocatori del Cosenza salutano il pubblico (foto Michele De Marco)
I giocatori del Cosenza salutano il pubblico (foto Michele De Marco)

Il Cosenza di Fabio Caserta può essere annoverato tra le piacevoli soprese di questo inizio di campionato. Il tallone d’Achille della passata stagione è stato proprio l’attacco con solo 30 reti realizzate in tutto il torneo: peggiore attacco della Serie B.

Quest’anno invece la musica sembra essere decisamente cambiata. La squadra silana è diventata una vera e propria cooperativa del gol. Già quattordici le marcature realizzate in nove giornate, con 9 calciatori diversi a bersaglio. Il gioco frizzante della favorisce principalmente gli attaccanti, ma anche centrocampisti e difensori sanno come rendersi utili.

14 RETI REALIZZATE DAL COSENZA, MAZZOCCHI A QUOTA 3

Attualmente il miglior marcatore è Simone Mazzocchi. Tre reti realizzate per lui, due ben oltre il novantesimo minuto che hanno consentito di portare a casa punti pesantissimi. Due reti a testa per il “tuttocampistaVoca, “lo squalo” Forte che si è sbloccato proprio sabato contro il Lecco, e Gennaro Tutino.

Particolarmente sfortunato l’ex Napoli, con ben tre legni colpiti. Leader tecnico della squadra che riesce comunque ad essere sempre decisivo. Hanno timbrato il cartellino anche i giovani Zilli e Arioli. A segno inoltre il difensore Venturi con uno spettacolare colpo di tacco e i due “trottolini” Marras e Canotto. Quest’ultimo autore del gol più bello in assoluto con una perla di rara bellezza incastonata nella vittoriosa trasferta di Palermo.