Davide Dionigi stamane all'Hotel President
Davide Dionigi stamane all'Hotel President

Davide Dionigi è sembrato una persona schietta, gentile e a modo. Abbiamo avuto modo di incontrarlo questa mattina e scambiare due chiacchiere con lui fuori dall’hotel di Rende in cui risiede. 

Tanti gli argomenti trattati, sa benissimo di non approdare in una piazza che lo accoglie con molta fiducia. Comprende i tifosi, legittimamente perplessi per via della sua carriera passata. “Io sono il primo tifoso della squadra che alleno, se avessi segnato con il Cosenza contro la Reggina avrei esultato ugualmente“, il riferimento è al famoso aeroplanino di un lontano derby, in cui Dionigi segnò su calcio di rigore. Va detto, ad onor della cronaca che non sarà certo né il primo né l’ultimo a cambiare casacca fra squadre calabresi. Ricordiamo due allenatori come Silipo e Braglia, passati sia da Cosenza che da Catanzaro e apprezzati in entrambe le piazze.

Sulla trattativa con il DS Gemmi non si espone, lasciandosi scappare solo un “Stiamo valutando“, ma ovviamente il fatto che da un giorno e mezzo sia qui a Cosenza è più che indicativo. Si è detto e scritto tanto anche sul suo possibile approdo in riva al Crati dopo l’esonero di Zaffaroni. Non è un mistero che all’epoca Dionigi aveva un contratto importante con il Brescia, se ci fossero state le giuste condizioni probabilmente sarebbe già venuto.

Il tecnico modenese è convinto che, qualora dovesse essere il nuovo allenatore dei lupi, farà ricredere chi in questo momento è scettico. Noi il nostro punto di vista l’abbiamo dato, poi il campo sarà il giudice supremo.