Inghilterra-Iran

Non di rado le partite di esordio nelle grandi manifestazioni internazionali hanno nascosto insidie per le big. L’Inghilterra ha saputo schivare questo rischio con relativa scioltezza. Estremamente positivo il debutto della nazionale di Southgate ai Mondiali in Qatar, superato il malcapitato Iran con il netto risultato di 4-0.

I vice campioni d’Europa prendono subito il controllo delle operazioni e provano a portare i primi assalti verso la porta avversaria. Il ritmo viene però spezzata dall’infortunio capitato all’estremo difensore iraniano Beiranvand, che blocca la gara per diversi minuti prima di essere sostituito da Hosseini.

Il muro eretto da Carlos Queiroz inizia a scricchiolare attorno alla mezz’ora quando è Mount, al termine di un’azione ben orchestrata, a calciare da posizione vantaggiosa sull’esterno della rete. Trema la traversa della porta dell’Iran sull’incornata di Maguire al 31′. È l’anticamera del gol del vantaggio. Lo realizza qualche minuto dopo, sempre con un colpo di testa, il più giovane in campo: Jude Bellingham, classe 2003. Strada ormai in discesa per i britannici che raddoppiano e triplicano prima dell’intervallo con due gol di pregevole fatture ad opera di Saka e Sterling. Nella ripresa spazio per la seconda marcatura personale di Saka (alla prima doppietta con la maglia dell’Inghilterra), il quinto e il sesto gol messi a segno dai neo entrati Rashford Grealish e la doppietta di Taremi ad rendere meno pesante il passivo.

Prossimo appuntamento del Gruppo B di Qatar 2022 stasera alle ore 20:00. Ad Al Rayyan scendono in campo Stati Uniti e Galles.