Van Dijk esulta per il gol decisivo (foto Twitter OnsOranje)
Van Dijk esulta per il gol decisivo (foto Twitter OnsOranje)

Gli oltre 55 mila spettatori presenti alla Johann Cruijff Arena di Amsterdam spingono l’Olanda alla conquista della final four di Nations League.

Obiettivo che gli Orange guidati dal santone Louis Van Gaal centrano superando di misura il Belgio. In realtà per i Belgian Red Devils l’impresa era molto difficile. Per conquistare il primo posto nel raggruppamento e scalzare gli avversari avrebbero dovuto vincere con più di due gol di scarto.

LA CRONACA DI OLANDA-BELGIO

Il primo tempo è avaro di emozioni. Sul taccuino una conclusione sballata di Janssen dalla grande distanza e l’infortunio del modesto Berghuis, costretto a dare forfait alla mezz’ora. Al suo posto entra Gakpo. Le uniche palle gol sono di marca belga: clamorosa quella capitata sui piedi di Witsel al 32′ ma l’ex Zenit è troppo timido e il 38enne Paswer si ritrova il pallone tra le braccia.

La ripresa si apre con due cambi per parte. Nelle fila degli Orange dentro Malacia e Taylor per Akè e Janssen. In quelle del Belgio spazio a Carrasco e al milanista De Ketelaere. Non succede nulla di rilevante fino al 66′ quando De Bruyne ispira Onana e Paswer è chiamato agli straordinari per mantenere la porta inviolata. Olanda pericolosa in contropiede al 71′ ma Bergwijn non angola il tiro. È il preludio al vantaggio degli olandesi. Lo realizza Van Dijk con una testata sugli sviluppi di un corner. Male Courtois nell’occasione. Il risultato non si schioda dall’uno a zero, nonostante la traversa clamorosa colpita da Lukebakio a tempo scaduto. Olanda ufficialmente tra le migliori quattro di questa terza edizione della Nations League.

LE ALTRE DI NATIONS LEAGUE

Nell’altra gara del raggruppamento di Olanda e Belgio vittoria e salvezza della Polonia in casa del Galles, che invece retrocede. Nel gruppo 1 la Croazia (qualificata) si conferma in testa andando a rifilare tre reti all’Austria e rendendo così inutile il due a zero con cui la Danimarca ha superato una Francia in piena crisi.

IL TABELLINO

OLANDA (3-5-2): Paswer; Timber (66′ De Vrij), Van Dijk, Akè (46′ Malacia); Dumfries, Berghuis (30′ Gakpo), Klaasen (92′ Gravenberch), De Roon, Blind; Janssen (46′ Taylor), Bergwijn. Ct: Van Gaal.

BELGIO (3-4-3): Courtois; Debast, Alderweireld, Vertonghen; Meunier (46′ Carrasco), Onana (75′ Tielemans), Witsel, Castagne (82′ Lukebakio); De Bruyne, Batshuayi (46′ De Ketelaere), E. Hazard (64′ Trossard). Ct: Martinez.

ARBITRO: Anthony Taylor (Inghilterra).

MARCATORE: 73′ Van Dijk.

Ammoniti: 6′ Castagne (B), 83′ Carrasco (B), 84′ Taylor (O). Angoli: 4-1 (pt 2-0). Recupero: 1′ pt; 4′ st.