Serie B, 17ª giornata frena il Frosinone e ne approfitta la Reggina
Serie B, 17ª giornata frena il Frosinone e ne approfitta la Reggina

Neanche il tempo di respirare che i team di Serie B sono nuovamente scesi in campo esattamente tre giorni dopo dall’ultima uscita: ancora una volta risultati che rivoluzionano la classifica.

L’anticipo delle 12 e 30 della 17ª giornata di Serie B ha visto Cagliari e Perugia darsi battaglia con i rossoblù che l’hanno spuntata all’81’ con Pavoletti dopo il doppio vantaggio e il recupero della squadra di Castori con Strizzolo e Casasola. Una vittoria importante per i sardi che tornano a raccogliere i tre punti dopo 7 gare senza successi. Si interrompe, invece, la striscia positiva del Perugia che rimane ultimo.

Nonostante lo 0-0, buona la “seconda” per Gilardino sulla panchina del Genoa. Dopo Bisoli, il mister “ad interim” con possibilità di conferma, guadagna un punto tutto sommato importante contro l’Ascoli. Al “Del Duca” diverse emozioni, dunque, ma il risultato non si schioda.

Si ferma nuovamente il SudTirol che contro la Ternana ha fatto subito i conti con due infortuni che potranno fare la differenza: si fanno male De Col e Davì. Nella ripresa, gara intensa e occasioni da una parte e dall’altra ma al Druso è pari senza gol. Un punto che fa certamente piacere alla Ternana dopo un periodo complicato, ma comincia a farsi pesante per Bisoli che nonostante non abbia perso comincia a fiutare le squadre dietro di lui che risalgono la china.

PICCOLE SODDISFAZIONI

Serie B, 17ª giornata frena il Frosinone e ne approfitta la Reggina
Serie B, 17ª giornata frena il Frosinone e ne approfitta la Reggina (PH. Reggina Calcio e Cagliari Calcio su Twitter)

Seconda consecutiva per Cannavaro che vince contro il Cittadella. La sblocca al 22’ la prima rete in stagione di Tello, poi il rigore sbagliato da Forte nella ripresa. Il Benevento soffre e alla fine vince: per il tecnico napoletano anche prima vittoria in casa. Che sia la definitiva prova in grado di sbloccare questa squadra?

Il Venezia ha la meglio contro il Cosenza: rete del vantaggio al 18′ targata Crnigoj che con un destro incrociato centra prima il palo e poi la rete e poi il raddoppio con la splendida punizione di Tessmann sulla quale Marson ha potuto fare ben poco se non guardare la palla finire dietro di lui. Lupi mai pervenuti e lagunari che ora credono nella risalita.

Meccariello al primo affondo al 10′ la sblocca per la Spal contro il Palermo, ma i rosanero reagiscono subito al 32′ con una combinazione Di Mariano-Brunori. Mentre La Mantia va vicino al 2-1 dopo il cross dalla destra di Dickmann, Stulac sfiora l’incrocio su punizione. Nel finale botta di Celia dal limite, Pigliacelli devia in angolo. Finisce 1-1, un punto d’oro per i siciliani.

LE ZONE ALTE DELLA CLASSIFICA DI SERIE B

Nelle zone alte della classifica accorcia e rimane sempre in ottica vertice la Reggina, che vince a Como. Nonostante qualche occasione clamorosa per i padroni di casa, è la Reggina a trovare il vantaggio al 78′ su calcio di rigore che viene magistralmente trasformato da Hernani che spiazza Ghidotti. La punizione dal limite di Blanco in pieno recupero fa tremare gli amaranto.
Dopo la splendida vittoria proprio contro gli amaranto, il Frosinone di Grosso viene fermato dal Pisa. Al contempo prosegue la marcia nerazzurra, la squadra di D’Angelo riesce a fermare la capolista sullo 0-0 al termine di una gara comunque combattuta ed equilibrata. Dodicesimo risultato utile consecutivo per il Pisa che rimane in zona playoff. Bari a valanga sul Modena: 4 a 1 il risultato finale con i pugliesi che rimangono attaccati alle prime due.

 

Chiude la giornata la vittoria del Parma a Brescia grazie ad un bellissimo primo tempo ed una gestione equilibrata nella ripresa. Padroni di casa mai realmente pericolosi.