Caserta in sala stampa al termine di Cosenza-Venezia (foto Francesco Farina)
Caserta in sala stampa al termine di Cosenza-Venezia (foto Francesco Farina)

Fabio Caserta ha parlato alla stampa alla vigilia di Sudtirol-Cosenza. Il match, in programma sabato 27 gennaio alle ore 14:00, sarà valevole per la ventiduesima giornata di Serie B.

LE PAROLE DI FABIO CASERTA

Le emozioni post Venezia: “L’urlo liberatorio a fine match? Vi era racchiuso un periodo negativo che abbiamo attraversato e superato con una bella vittoria e una grande prestazione. Non mi capita spesso di esultare sotto la curva, anzi quasi mai, ma è stato un momento che ricorderò sempre. Non abbiamo certo superato tutti i problemi”.

Sull’avversario Sudtirol e sull’atteggiamento: “Ora bisogna resettare subito, analizzare e riflettere per poi ripartire. C’è il Sudtirol, partita difficile, così come lo è l’intero campionato di Serie B. Sarà un vero e proprio scontro salvezza. Bisogna ripartire dagli errori e non esaltarsi quando le cose vanno bene perché sarebbe da stupidi. Troveremo una squadra che l’anno scorso ha fatto un grandissimo campionato e seppur abbia cambiato qualche elemento, ha tenuto intatta l‘identità di squadra che lotta e che si sacrifica ogni minuto. Mancherà Casiraghi? Così come a noi Tutino. Giocheremo su un bel campo in un ambiente caldo, dovremo essere bravi e concentrati. Dovrà essere l’ennesima dimostrazione del campionato che dobbiamo fare. Sarà importante dare continuità ai risultati, sfruttare gli episodi e portarli a nostro favore”.

Aldo Florenzi: “Avevo intenzione di farlo giocare con il Venezia perché ha dimostrato di stare veramente bene in questo periodo. A Bolzano sarà un’arma che cercherò di sfruttare perché per noi può essere importantissimo“. 

Mercato: “Non ne parlo mai, anzi poco e niente. Credo che ci debba essere il Direttore Gemmi ad occuparsene in accordo con il Presidente. Noi abbiamo già parlato di eventuali caratteristiche che possono servire, poi saranno loro ad individuare profili utili alla causa. In generale spero che il mercato finisca presto perché per quanto si possa essere concentrati sul campionato, destabilizza. A livello numerico siamo messi bene”.

Tutino e Forte: “Sì, mancherà Gennaro a Bolzano. Per noi elemento importantissimo, in grado di spostare gli equilibri di una partita. In rosa abbiamo altrettanti giocatori importanti, sicuramente sarà sostituito da Forte. Dispiace che un attaccante venga giudicato solo dai gol, conosco molto bene Forte e vi assicuro che è un esempio da vedere durante la settimana. Per me è uno dei più forti attaccanti della Serie B. L’ho vissuto in diversi momenti della sua carriera, positivi e negativi, lui sa reagire molto bene. Mi auguro possa tornare presto al gol. Valuterò se giocare con due attaccanti o un trequartista. Ho ancora tempo per pensarci. Servirà tanto equilibrio“.

Meroni e Canotto: “Sono ancora fuori, mi auguro di poter contare su di loro già dalla prossima ma sarà difficile. Non si sono ancora aggregati, stanno facendo dei recuperi differenziati fuori regione in accordo con la società. In particolare su Canotto speriamo tutti che in questa seconda parte di stagione possa tornare il vero Canotto, quello che abbiamo sempre apprezzato per le sue qualità”.

Entra nel nuovo canale Whatsapp de Il Dot