"TasteAtlas Awards": i dolci fritti più buoni al mondo sono italiani

L’enogastronomia italiana conta, da sempre, di una positiva considerazione, in tutto il pianeta. Nel corso degli anni, sono stati innumerevoli gli alimenti “Made in Italy” ad essere elogiati per il mondo.

Una nuova conferma dell’eccellente fama di cui la cucina italiana gode, arriva dalla classifica “Best Donuts, fritters and other deep-fried dessert in the World”, dei “TasteAtlas Awards”. Si tratta di una classifica, aggiornata a febbraio 2024, dei migliori dolci fritti al mondo. A condurre l’indagine, “TasteAtlas”. Il portale si occupa di riscoprire le specialità enogastronomiche del pianeta.

Il vertice della classifica di “TasteAtlas” occupato da un dolce italiano

Il vertice della classifica è occupato proprio da una specialità italiana: i bomboloni. L’irresistibile ricetta dolciaria è quindi considerata il più richiesto e prelibato dolce fritto al mondo. “Morbidi come cuscini, ariosi e incredibilmente leggeri, i deliziosi bomboloni si gustano al meglio quando sono ancora caldi, indipendentemente dalla varietà preferita” si legge sul sito ufficiale della piattaforma.

I bomboloni “Made in Italy” non sono, tuttavia, gli unici prodotti italiani sul podio della classifica. In terza posizione, infatti, vi è un’altra prelibatezza italiana: Le Graffe napoletane. “Le graffe sono morbidi dolci fritti napoletani che tradizionalmente si preparano per il Carnevale. – si legge  – Si ritiene che siano stati ispirati dai famosi krapfen austriaci. La caratteristica principale di queste frittelle lievitate, a forma di ciambella, con un buco al centro, è la loro morbidezza, ottenuta con l’aggiunta nell’impasto di patate umide e cotte.

Inoltre, in ottava posizione, spiccano le zeppole campane. Al ventiquattresimo posto e al trentunesimo posto, rispettivamente le castagnole e la seada sarda.

Entra nel nuovo canale Whatsapp de Il Dot