Il rigore sbagliato da Marras in Cosenza-Sudtirol (Foto Farina)
Il rigore sbagliato da Marras in Cosenza-Sudtirol (Foto Farina)

Così come all’andata, non una partita qualsiasi quella tra Cosenza e Sudtirol, match valido per la 25^ giornata di Serie B.

“Il riscatto”. O almeno è quello che rappresenta questo match per mister Bisoli, la scorsa stagione sulla panchina del Cosenza, ora su quella altoatesina. Alla lista degli ex, oltre a Carretta e allo stesso allenatore in seconda Leandro Greco (oggi a dirigere la squadra vista la squalifica di Bisoli), si è aggiunto a gennaio anche “El Bati” Larrivey, accolto da un lungo applauso al “Marulla“.

Da una parte Viali sceglie Nasti e Finotto in attacco con Zarate a supporto. Voca a Brescianini a metà campo, in difesa spazio a Venturi. Dall’altra il team quarto in classifica opta per Odogwu e Carretta in avanti, out Casiraghi e Mazzocchi. Spazio a Fiordilino in mediana. Squalificato Masiello.

L'occasione targata Nasti in Cosenza-Sudtirol (Foto: Farina)
L’occasione targata Nasti in Cosenza-Sudtirol (Foto: Farina)

L’approccio tanto agognato da Viali finalmente arriva, con una squadra scesa in campo consapevole di un Sudtirol veloce nelle ripartenze e molto fisico. La prima occasione pericolosa della partita è tutta rossoblù: al 19′ Nasti, ritrovandosi solo davanti al portiere, calcia centrale, Poluzzi gli nega il gol. Si rende protagonista anche Zarate, alla sua 2° partita da titolare, con tentativi molto spesso da fuori area.

Ancora Cosenza pericoloso al 38′: dopo una rovesciata in area di Brescianini, Poluzzi allontana e poi blocca agevolmente il tiro di Marras tra lo stupore di un “Marulla” semi-vuoto ma entusiasta della prestazione. Per il Sudtirol molto spesso intraprendente Carretta con le ripartenze di Odogwu. L’assenza di Bisoli in panchina si fa sentire. La prima frazione di gioco, molto equilibrata, si conclude in pareggio, a reti bianche, e con una posta in palio sempre più calda.

LA MALEDIZIONE DEL SECONDO TEMPO

La ripresa vede i primi cambi dalle panchine: per il Cosenza dentro Calò e fuori Voca, per il Sudtirol dentro Lunetta e Cisse al posto di Fiordilino e Carretta. Il numero 6 rossoblù si fa subito notare in campo al 49′: il calcio piazzato a favore parte dai suoi piedi, prolunga Meroni per Rigione che a pochi passi non trova la porta.

Un cambio forzato per Viali, non certo positivo, arriva al 54′ dopo che Zarate accusa un problema al ginocchio con conseguente ingresso dei sanitari in campo che lo portano fuori in barella, al suo posto Zilli. Praszelik e Cortinovis si inseriscono tra i subentrati al 66′. Ma per un probabile stiramento, il primo è costretto ad uscire dopo appena 5 minuti dopo un tiro centrale dalla distanza. Il polacco viene sostituito da D’Urso.

Il rigore mancato da Marras in Cosenza-sudtirol (Foto Farina)
Il rigore mancato da Marras in Cosenza-Sudtirol (Foto: Farina)

La “maledizione” del secondo tempo rossoblù impatta anche questo sabato: al 73′ contatto in area tra Cortinovis e Zaro con l’arbitro che indica subito il dischetto. Marras prende il pallone ma dopo una breve attesa, Poluzzi in tuffo intercetta quest’ultimo e poi sulla ribattuta si supera su Calò. Una clamorosa occasione che avrebbe permesso al Cosenza di passare meritatamente in vantaggio.

L’espulsione di Lunetta all’88’ riaccende una partita diventata assopita. I 7 minuti dati di recupero, poi, rappresentano un occasione ghiotta per il Cosenza in superiorità numerica.

Ma il Sig. Feliciani Ermanno di Teramo fischia tre volte mettendo fine ad un match ad alta intensità, diverso rispetto all’andata. Un Cosenza in crescita grazie ai nuovi arrivati ma che fa ancora tanta fatica a mettere la palla in rete. La classifica vede i Lupi sempre ultimi a 23 punti con gli avversari che cominciano a conquistare punti importanti.

IL TABELLINO DEL MATCH

COSENZA: Micai, Rigione, Meroni, Venturi, D’Orazio, Voca (46′ Calò), Brescianini (66′ Praszelik/70 ‘D’Urso), Marras, Finotto, Zarate (54′ Zilli), Nasti (66’ Cortinovis). ALL. VIALI

SUDTIROL: Poluzzi, Celli, Vinetot, Fiordilino (46′ Lunetta), Carretta (46′ Cisse), Belardinelli (80′ Pompetti), Rover (84′ Larrivey), Zaro, Tait, De Col (80′ Curto), Odogwu. ALL. GRECO

ARBITRO: Sig. Feliciani Ermanno di Teramo

AMMONIZIONI: 10′ Fiordilino, 53′ Belardinelli, 92′ Meroni

ESPULSIONI: 88′ Lunetta (S)