Quasi 60 società ospitate tra ginnastica artistica e ritmica, oltre 1.600 atlete e atleti in gara e un’affluenza di pubblico tra le due sedi di Rossano Corigliano e Rende che ha abbondantemente superato le 6.200 presenze totali. Le finali nazionali di ginnastica ritmica e artistica ospitate quest’anno dalla Calabria, restituiscono un’immagine di CSAIn da grandi numeri in un settore, come la ginnastica, che pure ci ha abituato ad eventi imponenti e spalti gremiti.

La Ritmica è di scena a Rende Al Palazzetto dello sport di Rende, in provincia di Cosenza, sono andate in scena le finali nazionali di ginnastica ritmica coordinate dal consigliere nazionale Marina Del Pezzo con l’ausilio della responsabile ginnastica ritmica di CSAIn Calabria, Yevheniia Markevych. Complessivamente sono state 17 le società che hanno partecipato al campionato nazionale con 452 ginnaste in competizione. Prova di forza per la ginnastica artistica a Rossano Corigliano Contemporaneamente, nella città di Rossano Corigliano si sono svolte le Finali nazionali CSAIn di ginnastica artistica. Qui abbiamo assistito ad una vera e propria invasione di giovani atleti accompagnati da familiari e amici che hanno riempito le strutture ricettive del centro ionico. Un dato da valorizzare con forza poiché ha messo in moto un circuito virtuoso fra albergatori, commercianti e gli operatori del settore turistico che, in partnership, hanno collaborato alla buona riuscita dell’evento con un indotto importante di immagine, economia, turismo, marketing.

37 le società presenti (con 1.107 ginnaste) al Palaeventi di Rossano Corigliano dove si sono svolte le prove con il coordinamento del direttore di gara, Elena Bisio e del responsabile di settore dello CSAIn Calabria, Sandro Mangiarano. Entrambe le manifestazioni hanno beneficiato di uno sforzo organizzativo notevole che ha visto impegnato tutto il comitato regionale dello CSAIn Calabria in piena sintonia con la governance nazionale. “Pienamente soddisfatto per il successo delle manifestazioni” si è dichiarato il vicepresidente nazionale dello CSAIn, Amedeo Di Tillo. “È stato un grande lavoro di squadra e la conferma che anche la Calabria può far parlare di sé per il valore degli eventi che riesce a produrre esempio di organizzazione, puntualità, efficienza e qualità”.