Il PalaSparti di Lamezia Terme ha festeggiato, ieri, la prima storica vittoria dell’Ecosistem Lamezia Soccer in Serie A2 di Futsal maschile. Nella sfida interna contro le Aquile Molfetta, valida per la terza giornata del girone D di Serie A2, gli uomini di mister Carrozza si sono imposti per 4-1 sugli avversari, disputando una prestazione di grandissimo livello, mettendo in campo quella prova d’orgoglio al quale aveva fatto appello il trainer lametino nel discorso pre-match negli spogliatoi.

La partita è stata un vero e proprio spettacolo sin dalle prime battute, con l’Ecosistem Lamezia che ha imposto il proprio gioco dal fischio d’inizio fino alla sirena dell’half-time. Il primo tempo è stato dominato in modo impressionante dalla squadra di casa, scesa in campo con una mentalità aggressiva e un desiderio evidente di vincere. Grazie a una serie di combinazioni intelligenti e rapidi scambi, con il controllo del possesso palla e una serie di attacchi pericolosi, la squadra di Lamezia Terme è riuscita a siglare due gol nel corso del primo tempo, prima con Mantuano e poi con Tubau.

I tifosi, che hanno affollato le tribune del PalaSparti, sono stati entusiasti di vedere la loro squadra così in forma, applaudendo ad ogni rete e ogni azione spettacolare. Nel secondo tempo, l’Ecosistem Lamezia Soccer ha mantenuto il controllo della partita, pur rimanendo vigile contro un Molfetta mai arrendevole ma determinato a recuperare terreno. La solidità della fase difensiva Orange ha però frenato le velleità ospiti, concedendo la sola rete della bandiera con Prisciandaro.

Il gol subìto ha scatenato nuovamente la furia Orange, che è riuscita per ben due volte a vìolare la porta molfettese, con la sontuosa doppietta di Manuel Patamia che ha consentito al pubblico del PalaSparti di esplodere un boato di gioia ed emozione. Con un gioco brillante nel primo tempo e una difesa solida nel secondo, il team lametino ha manifestato di avere il potenziale per raggiungere grandi traguardi in questa stagione; con questa vittoria la squadra ha dimostrato di avere il talento e la determinazione necessari per competere al massimo nella prestigiosa serie A2 del Futsal maschile italiano.

CRONACA

Primo tempo

-19’26’’ ottime occasione Orange con Mantuano, bravo Barile – portiere del molfetta – a respingere;

-17’02’’ ancora un attacco pericoloso di marca Ecosistem, il tentativo di Patamia viene però respinto;

-15’14’’ GOL LAMEZIA: Mantuano ribadisce in rete una respinta di Barile su conclusione di Gagliardi.

-14’40’’ come nell’azione del gol, Mantuano ci riprova, questa volta su una respinta dopo il tiro di Tubau, ma colpisce il palo!;

-12’05’’ Tubau ci prova direttamente su calcio di punizione ma la conclusione finisce alta sulla traversa;

-10’15’’ GOL LAMEZIA: ripartenza letale degli Orange: assist di Ramirez per Tubau, che infila la palla in rete facendola passare sotto le gambe del portiere ospite;

-9’43’’ a Gagliardi non riesce il tap-in vincente e da ottima posizione spara alto;

-5’15’’ bella azione orchestrata da Ecelestini che libera al tiro Mantuano, il quale si vede la porta chiusa da Barile;

-3’58’’ calcio di punizione ospite che sorprende la difesa Orange: Ramirez salva sulla linea dopo un primo intervento di Rotella che aveva smorzato la conclusione;

-1’58’’ ghiotta occasione per Gagliardi: dribbling e tiro che finisce fuori dopo una deviazione;

-1’10’’ Caffarelli non riesce a chiudere quanto necessario il tiro per indirizzarlo in rete.

Secondo tempo

-15’44’’ missile terra-aria di Ecelestini che trova però l’efficace risposta di Barile;

-15’09’’ buona occasione per Murolo che non centra però lo specchio della porta;

-14’22’’ errore in uscita della difesa Orange ne approfitta Roselli, il quale però spara incredibilmente alto;

-12’27’’ tentativo di Andriani ma Rotella è attento e sventa la minaccia mandando la palla in corner;

– 10’50’’ bella risposta di Barile sul piazzato preciso di Mantuano dal limite dell’area;

-10’26’’ nervosismo in campo dopo un brutto fallo di Murolo non sanzionato dall’arbitro, che poteva davvero far male al giocatore lametino. Attimi di parapiglia ma la situazione si normalizza con gli abbracci e le scuse di Murolo verso Giampà e Mantuano. L’arbitro, però, decide di punire entrambi i numeri 7, espellendo Murolo e Giampà.

-9’36’’ in questa situazione di 4vs4 Molfetta accorcia le distanze con Prisciandaro;

-7’07’’ GOL LAMEZIA: Molfetta tenta di scardinare il castello Orange con il quinto uomo, ma in tal situazione Patamia trova il gol del 3-1, disegnando un arcobaleno che dalla propria area di rigore si insacca nella porta avversaria.

-5’43’’ GOL LAMEZIA:  ancora una zampata di Patamia, questa volta di rapina e con il mancino, firma il poker Orange;

-4’40’’ un normale intervento di gioco da parte di Mantuano viene sanzionato con il cartellino rosso dal direttore di gara, il quale dopo essersi consultato con il collega ritratta la sua decisione ed estrae il giallo.

ECOSISTEM LAMEZIA SOCCER – AQUILE MOLFETTA 4-1

LAMEZIA: Rotella, Pulerà, Caffarelli, Giampà, Savio, Patamia, Mantuano, Gagliardi, Murone, Ecelestini, Gigliotti, Ramirez, Tubau

MOLFETTA: Rafanelli, Barile, Iessi, Infantino, Murolo, Hernandez, Andriani, Prisciandaro, Clarelli, Roselli, Toma, D’Agostino.

Marcatori: 4’46’’ Mantuano (L), 9’45’’ Tubau (L). 10’24’’st Prisciandaro (M), 12’53’’st Patamia (L), 14’17’’st Patamia (L).

Arbitri: Fabiani di Messina e Quartaronello di Messina. Cronometrista: Freccia di Catanzaro.

(Ufficio Stampa Ecosistem Lamezia)