Mimmo Toscano (foto Rosito)
Mimmo Toscano (foto Rosito)

Ci si avvicina a grandi passi al derby di sabato tra Reggina e Cosenza. Chi meglio di mister Mimmo Toscano, grande ex amato sia dalla parte rossoblù che amaranto, può descrivere cosa si prova a giocare certe partite? La nostra redazione si è così messa in contatto con l’attuale tecnico del Cesena.

Toscano ha avuto la fortuna nella sua carriera prima da calciatore e poi da allenatore di vincere campionati sia alle pendici della Sila che in riva allo stretto. Nativo di Reggio Calabria, lo si può definire tranquillamente cosentino di adozione, visto che vive da anni nella città bruzia.

L’INTERVISTA A MIMMO TOSCANO

Ha lasciato un ottimo ricordo nelle due città sia da calciatore che da allenatore. Cosa le hanno dato queste esperienze nella sua carriera?

Sono state due esperienze fortunate, ho vissuto momenti davvero felici e indimenticabili. Devo tanto al Cosenza per aver creduto nelle mie possibilità e avermi lanciato come allenatore. Le piazze di Cosenza e Reggio sono molto simili. Tantissima la passione e il calore che ti sanno trasmettere i tifosi“.

Un giudizio tecnico sulla squadra di Inzaghi e su quella di Dionigi.

Sono davvero contento che le due squadre, in base ai loro obiettivi, abbiano iniziato bene il campionato. La Reggina è partita fortissima, si vede che ha allestito una rosa ambiziosa in grado di togliersi grosse soddisfazioni. Il Cosenza ha investito minori risorse economiche ma ha costruito una squadra con criterio e logica. Dionigi a mio avviso sta facendo davvero un ottimo lavoro“.

Un parere invece sul livello di questa Serie B.

Il livello della serie B si sta alzando ogni anno sempre di più, questo è sotto gli occhi di tutti. In particolare, non è una frase fatta, il torneo di quest’anno è veramente una sorta di A2“.

Nel derby vince la squadra sulla carta più forte o i pronostici possono essere sovvertiti?

Il derby è sempre stata una gara a sé. Sono partite che sfuggono ad ogni pronostico. Contano sì i valori tecnici, ma spesso vince chi arriva in una condizione fisica e mentale migliore“.

Dove pensa possano collocarsi in classifica Reggina e Cosenza a fine campionato?

La lotta al vertice la vedo davvero molto agguerrita. La Reggina ha tutte le armi per tentare di fare il salto di categoria o dalla porta principale o cercando di vincere i playoff. Il Cosenza invece mi auguro che possa fare un campionato tranquillo. Migliore degli ultimi anni, magari senza soffrire fino alla fine e cercando di lanciare i tanti giovani di valore presenti nella rosa“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here