Il presidente del Cosenza Guarascio col ds Gemmi (foto Farina)
Il presidente del Cosenza Guarascio col ds Gemmi (foto Farina) - 1

Tante voci si sono rincorse ieri sul Cosenza. Frutto di una situazione difficile e delicata. La sconfitta subita negli ultimi minuti a Modena ha acuito ancor di più il malcontento generale della piazza.

La squadra non riesce a scrollarsi dal fondo della classifica e il futuro appare tutt’altro che sereno. La gestione del tecnico Viali non ha certo migliorato quella del suo predecessore Dionigi. Anzi, i lupi sono sprofondati dalla zona salvezza all’ultimo posto della graduatoria. L’inversione di rotta non c’è stata.

Dopo aver avuto un lungo colloquio con il diesse Gemmi, il presidente Guarascio (almeno per il momento) ha deciso di dare ancora fiducia all’attuale area tecnica. Anche l’uomo mercato dei lupi, dove aleggia sempre da lontano l’ombra di Beppe Ursino, ha avuto rassicurazioni dal patron sul completamento della rosa. Tenere in considerazione il beneficio del dubbio è la “conditio sine qua non” imprescindibile quando si parla di avvenimenti in casa rossoblù. Siamo stati già abituati in passato a tutto e il contrario di tutto.

IL COSENZA DEVE CERCARE NUOVA LINFA DAL MERCATO

La squadra che è apparsa ancora una volta debole e fragile, va completata e rinforzata al più presto. Questo è emerso dai rumors interni nella giornata di ieri. A tal proposito in questa settimana dovrebbero arrivare almeno un terzino sinistro e un centrocampista.

La differenza contro il Modena è arrivata proprio nella ripresa. La squadra di Tesser era ricca di alternative, il Cosenza in pratica ha dovuto raschiare il fondo del barile, perdendo poi la partita. Mancano 9 giorni alla fine del calciomercato. Se vorrà davvero salvarsi il Cosenza deve darsi una mossa, anche perchè le partite casalinghe contro Parma e Ternana sono dietro l’angolo.