Leonardo Marson, tra i migliori di Cosenza-Brescia (foto Farina)

Urlo strozzato in gola per il Cosenza contro il Brescia. Proprio quando i lupi avevano fatto la bocca buona alla conquista dell’intera posta in palio, arriva in pieno recupero il gol beffa di Bianchi.

Niente da fare per uno straordinario Marson che fino a quel momento era stato un muro invalicabile per gli avversari. La squadra di Viali ha messo davvero tanto cuore per cercare di portare a casa 3 punti che avrebbero fatto fare un balzo importante in classifica. Graduatoria che comunque rimane cortissima. Tra i 17 punti del Cosenza che delimitano la zona playout e i 22 del Pisa, ultimo posto utile della griglia playoff, ci sono solo 5 punti. In questi sono racchiuse la bellezza di 9 squadre.

L’importante comunque è cercare di muovere sempre la classifica. Larrivey e compagni sono arrivati al quarto risultato utile consecutivo. Ancora un brodino per il percorso che attende il Cosenza nella strada verso la salvezza. Il cammino intrapreso dagli uomini di Viali tuttavia sembra essere quello giusto. La squadra, pur palesando qualche limite e i soliti difetti, ha dimostrato di avere una propria identità. Gli applausi del pubblico a fine partita testimoniano che i supporters hanno apprezzato l’impegno e il sacrificio della compagine rossoblù al cospetto di una delle corazzate di questo campionato.

Dario La Verdura al debutto in Serie B (foto Farina)
Dario La Verdura al debutto in Serie B (foto Farina)

LE NOTE POSITIVE NEL COSENZA

Dopo le prime partite, condite da molto scetticismo, il portiere Marson ha dimostrato sul campo di essere un calciatore pronto a disputare un torneo difficile come quello cadetto. La botta presa alla spalla nel finale di partita contro il Brescia, tiene in apprensione il popolo bruzio. Ancora non si sa con certezza se l’estremo difensore potrà prendere parte alla sfida molto delicata di domenica con il Venezia.

Finalmente si è ammirato il miglior Brignola della stagione. Tanta corsa e giocate di qualità. L’ex Benevento pian piano sta diventando sempre più importante nello scacchiere tattico di Viali. A centrocampo Calò per 80 minuti è stato il faro della squadra. Negli ultimi minuti ha giocato con i crampi. Il Cosenza aveva finito le sostituzioni e purtroppo il pari delle rondinelle è arrivato proprio dalla sua parte. Larrivey ha fatto salire sempre la squadra facendo a sportellate con tutti e vincendo diversi duelli aerei a centrocampo: unico pallone toccato in area di rigore, un gol! Cosa chiedere di più al “nonnetto” del gruppo?

La Vardera, subentrato all’infortunato Gozzi, ha fatto il suo esordio in serie B. Tanta spinta e personalità per il terzino sinistro classe 2002 nativo di Palermo. Una domanda sorge spontanea: perché ci si è accorti di lui solo alla 16ª giornata?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here