Top&FLOP Serie A e Serie B

Ecco i Top & Flop della primissima giornata di Serie A e Serie B.

SERIE A

TOP

La prima giornata si apre con il successo del Napoli sulla neopromossa Frosinone. I campioni d’Italia in carica sono tra i TOP di giornata con la prima doppietta targata Osimhen.

Serie A Lazio, ko incredibile al debutto. Vince il Lecce in rimonta (2-1) (Foto Mannarino)
Serie A Lazio, ko incredibile al debutto. Vince il Lecce in rimonta (2-1) (Foto Mannarino)

Sicuramente una giornata positiva per la Juventus che travolge l’Udinese 3-0. I bianconeri di Torino, dopo un’estate pesante tra ricorsi e sentenze in tribunale, iniziano con il botto un campionato che dovrà segnare la svolta definitiva per una società “nuova” ma con vecchi principi. Vlahovic e Chiesa, protagonisti delle numerose voci di mercato, mettono la firma e “zittiscono” tutti con le loro esultanze.

Ultimo TOP di giornata non può non che essere il Lecce che al “Via del Mare” ribalta la Lazio nei minuti finali.

FLOP

Tra i FLOP, con la delusione per come è andata, ci va la Roma che pareggia 2-2 contro la Salernitana. La doppietta di Belotti, con il secondo goal all’82’, salva i giallorossi che partono con il freno a mano tirato.

SERIE B

TOP

Tra i TOP c’è sicuramente il Cosenza, vittorioso per 3-0 contro l’Ascoli dell’ex tecnico Viali. Bianconeri rimasti in 8 dopo soli 45′ ma il team guidato da Fabio Caserta stava convincendo di più anche in parità numerica.

Arioli autore del gol del 2-0 (foto Mannarino)
Arioli autore del gol del 2-0 in Cosenza-Ascoli (foto Mannarino)

Tra le neopromosse l’unica tornata a casa con punti in tasca è il Catanzaro che pareggia 0-0 allo “Zini” di Cremona. Un buon esordio nella gara che ha segnato il ritorno in cadetteria dopo 17 anni.

L’ultimo TOP di giornata è il mai domo Sudtirol, che acciuffa con il cuore un punto contro lo Spezia retrocesso dalla massima serie. La squadra di Bisoli recupera lo svantaggio per ben tre volte.

FLOP

Tra i FLOP non si può non inserire il Palermo che nell’anticipo del venerdì pareggia a Bari ma non riesce a segnare nonostante la doppia superiorità numerica. Una partita complicata che lascia l’amaro in bocca ai rosanero.